Marmellata “Li vuoi quei kiwi”

Ho sempre spuzzato un po’ la marmellata.
Da bambina la consideravo un tipico regalo riciclato,  che si accampava fino ad ammuffire dentro al frigorifero, senza che nessuno le degnasse mai di uno sguardo. In un certo senso mi faceva un po’ pena. E poi non mi piaceva.

Tutt’ora mi chiedo chi sia quel cretino che un giorno ha detto che la marmellata piace un sacco ai bambini. Alle feste di compleanno, la crostata al cioccolato finiva subito, quella alle pesche rimaneva lì a seccare.

Forse il problema erano i gusti. Quelle preparate dalle mie zie o da amici di famiglia erano sempre alle arance amare o alle prugne. Niente di personale verso questi frutti ma erano troppo comuni per avere presa nella mia strana famiglia.

Durante l’adolescenza il problema invece erano gli zuccheri. Non potevo assolutamente permettermi di mangiare una cosa così palesemente zuccherosa, a meno che non fosse un Mojito. La marmellata mi sapeva di un cibo falso, che fingeva di essere sano. Fortunatamente si smette anche di avere 17 anni.

Nel tempo le cose cambiano ed è arrivato il momento per la tanta bistrattata marmellata di avere la sua rivincita.
L’altro giorno mi sono trovata davanti mezzo chilo di kiwi di troppo. Di troppo perché a casa li mangio solo io.

La mia famiglia non sa, o probabilmente se ne frega, che fanno tanto bene perché hanno 312 mg per 100 g di Potassio, 34 mg /100 g di fosforo e 93 mg/100 g di Vitamina C ( praticamente il triplo ed il doppio della stessa quantità di arance).
Il primo è essenziale nel controllo della pressione sanguigna, quindi a lungo termine può essere un fattore decisivo nel prevenire patologie cardiovascolari, che tanto ci fanno paura (pure a ragione).
Per quanto riguarda il fosforo, già è abbastanza noto il suo effetto benefico a livello cerebrale. Migliora la nostra memoria, si dice. Sinceramente non so sbilanciarmi su questa cosa, ma molte molecole essenziali per il metabolismo cellulare come l’ATP o il DNA sono costituite da fosforo, quindi assumerne a sufficienza è un bene.
La vitamina C infine è un potente antiossidante ed è necessaria alla sintesi del collagene osseo. A quanto pare inoltre favorisce l’assorbimento del ferro a livello gastro intestinale.

La cosa migliore quindi sarebbe mangiarli crudi questi kiwi, magari con un cucchiaino quando sono particolarmente maturi. Tagliate la calotta e .. gnammy !

Però non tutti apprezzano il sapore aspro che questo frutto ha. Lo posso accettare. E’ per questo che mi sono inventata ( per modo di dire perché esiste da chissà quanti anni) questa marmellatina a pois. Fashion, no?

Un cucchiaino spalmato sopra una fetta biscottata non è per niente un eccesso.  Zuccheri semplici più carboidrati complessi.
Invece di mangiare una merendina….

Kiwi Jam:  Marmellata “li vuoi quei kiwi”

Ingredienti:

  • 500 g di Kiwi maturi ( diventeranno 400 g una volta pelati)
  • 500 g zucchero semolato
  • il succo di 1 limone

Pelate i kiwi e tagliateli a pezzettini molto piccoli. Più saranno piccoli prima si cuocerà la marmellata. Metteteli in ammollo per una notte nel succo di limone. Conservateli in frigorifero.

Il giorno dopo mettete sul fuoco in una pentolina antiaderente i kiwi con tutto il succo e lo zucchero. Mescolate per i primi 5 minuti cuocendo a fiamma bassissima. Lo zucchero deve sciogliersi.

Lasciate cuocere lentamente per mezz’ora, o finché la frutta avrà assunto una consistenza abbastanza densa, ma meno di quello che pensate debba essere una marmellata. Controllate sempre.

Spegnete il fornello e lasciate raffreddare nel pentolino a temperatura ambiente. Magicamente la consistenza della confettura arriverà da sola. Trasferite in un barattolo e conservate in frigorifero.

Per questione di sicurezza mi sento di dire che va consumata a breve perché non abbiamo fatto tutta la procedura di sterilizzazione che andrebbe fatta per le marmellate. Ma tanto con queste dosi ne viene giusto giusto un barattolo che va bene per qualche colazione ed un dolcino.

Mi dispiace ma per finire non posso trattenermi dal dire una cosa…….. LI VUOI QUEI KIWI ??? 

kiwi jam 2

 

Precedente Il suo nome è Pane Buono. E basta questo. Successivo Biscotti kiwitè: omaggio all'antica tradizione del tè Matcha