Passa la Cannara

Per la prima volta dopo settimane non ho nulla da fare. Quale miglior occasione per ciarlare e pubblicizzare una delle poche feste/sagre che nei dintorni di Perugia ha uno strano effetto calamita sulla sottoscritta (di solito rifuggo la categoria sagra come i lavavetri al semaforo). Parlo della Festa della cipolla di Cannara.

Non me ne vogliate ma 2 settimane fa ho per il motivo suddetto mandato beatamente a quel paese tutte le indicazioni nutrizionali FAO – WHO e infatti ho avuto nel post serata un dialogo romantico ed intimo con la parte più “interiore(a)” di me. Ma nel complesso posso definirmi soddisfatta.

Ricordate la scena in cui Bubba elencava a Forrest Gump tutti i modi in cui si possono cucinare i gamberi?
Ecco, più o meno due Giovedì fa il momento si è ripetuto davanti ad una delle 6 superaffollate taverne della festa, mentre cercavamo con due complici colleghe, volantino alla mano, di decidere dove andare a mangiare: ” le cipolle sono un frutto della terra e le puoi fare arrosto, bollite, grigliate, al forno, saltate, c’è lo spiedino di cipolle, gamberi con cipolle …”. L’ultima la dice davvero nel film!
Anche Bubba sapeva quanto preziose fossero! E non solo lui !

Dimostrazione ? Mentre aspettavamo di essere guidate al tavolo dagli indaffarati camerieri in maglia bordeaux de “La Taverna del castello”, ci siamo messe un po’ al riparo dalla folla imbestialita a cercare (io sto male) “aforismi cipolla” su Google. Tra i più belli da citare:

” Una cipolla al giorno leva tutti di torno” – Anonimo: d’accordissimo. Se mi avessero fatto il palloncino avrei steso qualsiasi carabiniere con un soffio.

” Convivenza: non basta che a tutt’e due piaccia Mozart; bisogna anche che gli piaccia la cipolla” – Roberto Gervaso: vedi anche la voce “alito appena svegli”.

” Se vuoi veder rifiorire l’ornamento della testa, frizionati spesso le zone prive di capelli con cipolle tritate” – Regole Sanitarie Salernitane, IX-X sec:  sarebbe curioso sapere a Salerno quanto fosse diffusa la calvizie pre e post cipolla nel 900 d.c….. belli loro. 

Possiamo anche ricordare l’esistenza di un’intera poesia polacca a tema cipolla (per chi si fosse incuriosito è qui).

Tornando a noi, l’attesa all’esterno della taverna non è stata eccessiva, anche se l’uso della modernissima carta con penna sicuramente non ha agevolato gli addetti alla gestione delle file, che sudavano olio fritto pur di riuscire a contenere orde di famiglie con bambinelli. Forse una festa regionale così famosa dovrebbe adoperarsi per creare un’app per cellulare dedicata alla gestione degli ordini ?

L’essere in 3 e basta quindi ha permesso a me e co. di entrare in circa 5 minuti in quello che dall’esterno sembrava un’invalicabile girone infernale. Quindi se volete mangiare subito non andate in 25 . Andate in massimo 4 !

Comunque, appena sedute nel minuscolo spazio vitale a noi assegnato, panca e tavolo di legno come è dovere che sia durante una sagra, abbiamo dovuto aspettare un po’ per ordinare, visto che i camerieri ci vorticavano intorno tipo foglie secche in autunno con facce comprensibilmente sconvolte (come li capisco…). Nonostante ciò erano prontissimi a scherzare con i clienti, cosa che da brava caciarona approvo alla grande!

Finalmente dopo altri 5 minuti un santo cameriere, pure piuttosto piacente (e qui censuro) è venuto efficientemente ad esaudire i nostri desideri alimentari… alimentari!
Visto che non sono una critica enogastronomica, ma una spudorata millantatrice esaurita famelicamente innamorata del cibo, la mia scelta degustazione è ricaduta su un variabile “antipasto del Castello” con contorno di “cipolle fritte” e “bombolone con crema di cipolla”, il tutto annaffiato da Grechetto.

Tra tutto, n° 1 sicuramente le cipolle fritte, altrimenti risoprannominabili Chips. Da brava pivellina che sono non le avevo mai viste fatte cosi sottili e croccanti. Di solito vengono proposte della dimensione di un bue in pastella…

Poi l’antipasto aveva i suoi pro e i suoi ma: tipo, non ho capito il senso dei fagioli, probabilmente posti come contorno vegetale, cosa che noi sappiamo essere errata. Poi dico, l’abbinamento fagioli e cipolle: propulsione ! Però vabbè, l’avevo detto che quelli della FAO se ne dovevano stare zitti per sta volta.
Il senso della bruschetta con cipolla rossa ma rosa all’occhio (tipo Barbie) invece l’ho capito e pure bene. “Delicatissima” citando de Sica. Unica cosa, visivamente faceva a cazzotti col resto dell’antipasto.
Di altro ? c’è molto da dire in realtà; al castello avevano da offrire soprattutto primi e secondi che però, già appesantite dall’abbondante ingrediente di base, non abbiamo voluto assaggiare (il baccalà fritto, il mezzo stinco di agnello o la pancetta probabilmente mi avrebbero mandato al campo santo). Volentieri, fossi stata a pranzo, avrei assaggiato le trofie con gambero di fiume e cipolla rossa.

Grande delusione, che solo il Grechetto ha potuto consolare, il bobolone con crema di cipolle: odore totalmente non pervenuto! Forse era solo un nome e io ho frainteso…
Citando le compagne di test: ” non sa di cipolla!!! Voglio la cipolla! … però è delicato pure lui… “.

Comunque sia andata, anche il post cena è stato piuttosto divertente perché il paesino di Cannara non offre solo cibo, ma sparse per le suggestive viottole pianeggianti (è una cosa da sottolineare) anche bancarelle di prodotti artigianali, hand-made e bigiotteria e prodotti enogastronomici locali, con assaggini (e l’assaggino è diventata una cosa sempre più rara da trovare in qualsiasi manifestazione, sarà perché si è capito che non assicura  l’acquisto?). Poi come non citare l’immenso Giorgione in cooking show (direttamente dal suo “alla via di mezzo“).

Insomma, non sarà un eventone super chic, ma pochi di noi possono permettersi tali lussi ( e sanno parteciparvi…). Non posso dire che ci tornerò domani perché la festa è finita ma c’è una buona notizia: verrà organizzata l’edizione Winter dal 6 all’8 e dal 13 al 15 Dicembre! Ci aspetta il test trofie !

 

 

cipolla rossa di Cannara
La famosa cipolla di Barbie bellissima !
bombolone alla crema di cipolle
Mi hai molto deluso bombolone, molto… no, dai non troppo ..
chips di cipolla di Cannara
Le chips… chips
Precedente Senza di lui la Soia non sarebbe un OGM...forse. E' tutta colpa del Glifosato: episodio 2. Successivo Dichiarazioni OMS: Quando la carne rossa in toto diventa una sostanza.